Vai al contenuto

Avviare un’attività in Cina

Aprire un’azienda in Cina sembrerebbe un’impresa impossibile, ma in realtà i requisiti sono semplici:
1. Capitale: non c’è un capitale iniziale designato per aprire un’azienda nella maggior parte dei casi. Praticamente, con un euro puoi aprire un’azienda.
2. Organico minimo: 1, il proprietario, è sufficiente
3. Tempo: massimo qualche settimana, a seconda delle necessità burocratiche
4. Conoscenza del cinese: non richiesta, ma può aiutare
5. Nazionalità: non importante. I cittadini cinesi potrebbero avere qualche vantaggio in specifici tipi di impresa, ma nient’altro.
6. Tipo di business: praticamente nessuna restrizione. A seconda del luogo in cui l’azienda viene aperta e del tipo di attività, si può fare uso di incentivi o detrazioni fiscali: conviene informarsi prima di aprire l’attività con un consulente. Molte zone sottosviluppate e sviluppate hanno programmi specifici gestiti dal governo locale.
7. Burocrazia: può essere completamente gestita online da un agente
8. Conto in banca: necessario, e deve essere un conto corrente cinese. Aprire un conto in Cina è totalmente gratuito e non richiede deposito in banche come la ICBC.
9. Ufficio: non richiesto, a meno che la tua attività sarebbe impossibile senza. Puoi usare un ufficio virtuale o la tua residenza se risiedi in Cina.
10. Nome dell’azienda: qui è un po’ difficile. Il nome è diviso in tre parti:
– Il luogo in cui l’azienda è stata fondata;
– Il nome dell’azienda;
– Il tipo di impresa.
Assicurati di avere almeno 10 nomi prima di registrare la tua azienda, perché è molto probabile che la tua idea sia già stata usata. Un buon nome dovrebbe essere breve, con un significato positivo, facile da ricordare, facile da scrivere o una combinazione di questi parametri. Non ci sono restrizioni sul nome inglese, quindi puoi anche creare un nome cinese basandoti sul ricreare la pronuncia del tuo nome inglese coi caratteri cinesi.

Altre note importanti:
1. Contabilità: puoi autogestirti, ma ti consigliamo di avere un contabile esterno. Non ti costerà tanto e ti eviterà un sacco di mal di testa, specie se il cinese non è il tuo forte.
2. Pagamenti: per aiutare i tuoi clienti, assicurati di supportare pagamenti via Alipay e Wechatpay, perché molta gente ti chiederà di pagare col proprio telefono. Il bonifico è un must per il B2B.
3. Fatturazione: molte aziende non forniscono fatture per scaricare le tasse, dato che non tutte le aziende la necessitano. Assicurati di chiedere la fattura prima del pagamento e porta sempre con te tutte le informazioni per la fattura.

Se ti serve aiuto, chiedici pure all’indirizzo yun@sinoactive.com!

Lascia un commento