Vai al contenuto

L’Hunan: agricoltura, industria, turismo e cibo piccante

Mappa delle province, municipalità, regioni autonome e regioni amministrative speciali della Cina. Fonte: chokkicx / Getty Images

L’Hunan è parte della Cina sin dalla dinastia Zhou e la provincia natia di Mao Zedong, il fondatore della Repubblica Popolare Cinese. Hunan ha alcune caratteristiche in comune col vicino Hubei, dato che per un certo periodo di tempo hanno fatto parte di una singola provincia (chiamata Huguang). Grazie alla fertilità del territorio, la popolazione dell’Hunan è maggiore della media delle altre province cinesi.

La geografia dell’Hunan

La maggior parte della provincia consiste di montagne e colline, e il lago Dongting (il più largo della provincia e uno dei più grandi della Cina) da il nome all’Hunan, che letteralmente significa A Sud del Lago. Più di 67 milioni di persone vivono in Hunan, una popolazione paragonabile a una grande nazione europea come la Francia. Il territorio è abitato da Han e minoranze, tra le quali le più importanti sono i Tujia e i Miao, seguiti da Dong, Yao, Hui e Uiguri: le ultime due minoranze si influenzano parecchio a vicenda, rendendo gli Uiguri dell’Hunan molto diversi dagli Uiguri dello Xinjiang, dove la maggior parte degli Uiguri risiede.

La capitale dell’Hunan, Changsha, è una città storica molto importante, con più di 12 milioni di abitanti tra aree urbane e metropolitane.

L’Economia

Anche se l’agricoltura dell’Hunan è sempre stata superlativa, le esportazioni di te’, tabacco, miele e persino uccelli sono state recentemente superate della produzione industriale delle acciaierie, fabbriche di elettronica e macchinari, la cui base industriale deriva dalla delocalizzazione delle province vicine, industrialmente più ricche, dello Zhejiang e del Guangdong.
L’Hunan è inoltre uno dei produttori più grandi al mondo di fuochi d’artificio e macchinari per le costruzioni, come le gru. Changsha ospita una zona nazionale di sviluppo economico e tecnico, concentrata su biotecnologie, industria d’alta tecnologia e ricerca di nuovi materiali. Inoltre, Chenzhou ha ricevuto un’enorme supporto per promuovere l’esportazione di macchinari di precisione e materiali avanzati di nuova generazione (e non solo), il che sta trasformando questa città in una delle zone più importanti per l’importazione di macchinari ed equipaggiamento atti a realizzare prodotti per l’esportazione.

La cultura

L’Hunan è famoso in Cina per i paesaggi naturali (come Wulingyuan, patrimonio dell’umanità e al tempo stesso un sito AAAAA, cioè uno dei luoghi turistici migliori della Cina), i suoi siti storici antichi e la sua cucina particolarmente speziata e piccante. La cultura dell’Hunan è connessa fortemente al fiume Xiang, che lo attraversa da sud a nord e funge da sinonimo della provincia in molti contesti, inclusa la denominazione della lingua locale.

La posizione geografica dell’Hunan continua ad agevolare lo sviluppo industriale – grazie al fatto che molti in Zhejiang e nel Guangdong hanno deciso di spostare le proprie industrie in province più povere confinanti: eppure, l’Hunan non è una provincia affatto povera – e la sua enorme popolazione non fa che confermare il suo grosso potenziale di crescita industriale a lungo termine.

2 commenti su “L’Hunan: agricoltura, industria, turismo e cibo piccante”

  1. Pingback: Il Guangxi: natura, minerali, turismo e manodopera a basso costo - SinoActive

  2. Pingback: La Geografia della Cina: cosa devi sapere - SinoActive

Lascia un commento