Vai al contenuto

Le persone stanno ricevendo il vaccino COVID-19 in Cina?

Il vaccino contro COVID-19 è finalmente disponibile e la vaccinazione è iniziata in molti paesi. Tuttavia, non molti hanno accesso a informazioni chiare su ciò che sta accadendo in Cina.
Chiariamo come funzionerà la vaccinazione in Cina.

I due vaccini: Sinopharm e Sinovac

Ci sono due vaccini disponibili in Cina, che vengono anche esportati in molti paesi sottosviluppati. I due produttori sono basati a Pechino: Sinopharm è un’azienda statale, mentre Sinovac non lo è.
L’immunizzazione del vaccino durerà 6 mesi o più in entrambi i casi.
Sinopharm prevede di raggiungere una produzione di oltre un miliardo di dosi entro la fine del 2021.
Ogni persona ha bisogno di due dosi di vaccino. Dovrebbero passare almeno 14 giorni tra gli scatti.
I vaccini possono resistere a lungo anche ad alte temperature. Richiedono temperature comprese tra 2 C ° e 8 C ° per la conservazione del vaccino. Tuttavia, possono durare per più di 20 giorni anche a 37 C °. Questo è un fattore chiave considerando che Sinopharm esporta il vaccino in molti paesi. La stessa Cina ha un territorio molto complesso che renderebbe difficile la conservazione a temperature particolarmente basse. Inoltre, alcune regioni della Cina sono abbastanza sottosviluppate. L’attrezzatura per la conservazione a temperature estremamente basse del vaccino potrebbe non essere sempre disponibile ovunque.

Chi si vaccina per primo?

Fonte: Global Times

Le categorie che riceveranno il vaccino per prime sono quelle a maggior rischio di contrarre il virus. Prima di tutto, il vaccino è attualmente disponibile solo per le persone tra i 18 e i 59 anni. Alla fine del 2020 sono già stati iniettati più di 3 milioni di vaccini.
La priorità per la vaccinazione va alle seguenti categorie:

  • persone che hanno bisogno di viaggiare all’estero per lavoro o studio;
  • lavoratori coinvolti nella logistica;
  • lavoratori nel settore dei trasporti;
  • personale sanitario e igienico-sanitario;
  • personale dei servizi basilari (es. acqua, luce, gas ecc.)
  • polizia, operatori della comunità e vigili del fuoco;
  • tutto il personale coinvolto nelle procedure di quarantena;
  • tutto il personale addetto alle dogane e operante ai confini del Paese

Solo dopo arriverà il momento per tutti gli altri non appartenenti a queste categorie.

Abbiamo anche inserito un’infografica (per gentile concessione di globaltimes.cn) per semplificare la comprensione.

Lascia un commento