Vai al contenuto

L’Hanfu: quando la tradizione è la nuova moda

Sembra strano che in Cina, una delle nazioni dalla crescita più dirompente al mondo, responsabile di enormi successi tecnologici come il 5G, si guardi alla tradizione in particolari settori. Ed è ancora più strano che uno di questi settori sia uno costantemente in evoluzione, come quello della moda.
Difatti, sempre più giovani indossano abiti tradizionali Hanfu.
Inizialmente, i pionieri dell’Hanfu lo indossavano solo in circostanze specifiche e per occasioni particolari, in piccoli gruppi. Ma, col tempo, sono diventati sempre più confidenti. Molte persone adesso indossano l’Hanfu come alternativa agli abiti occidentali.

Ma cos’è l’Hanfu?

Hanfu letteralmente significa “abiti Han“. Han è il nome dato alla vasta maggioranza etnica in Cina. Inoltre è anche il nome di una delle più importanti dinastie, che ha dominato la nazione tra 2200 e 1800 anni fa. In seguito, gli abiti Hanfu si sono evoluti col passare delle dinastie successive.
Per questa ragione, la categoria che definisce l’Hanfu è in realtà molto variegata. La moda è cambiata con gli anni oltre che in base al territorio.

Abiti Hanfu per una serata in discoteca. Brillano al buio. Un’idea della designer Qiaozhi. Fonte: jingdaily.com

La gamma offerta dagli abiti Hanfu assicura che pressoché chiunque riesca a trovare qualcosa che lo o la soddisfi. E nuovi modelli spuntano ogni giorno.

L’Hanfu: un nuovo mercato

Gli Hanfu stanno diventando popolari in fretta. Nel 2019, secondo Tmall, gli appassionati di Hanfu hanno acquistato in media tra due e tre abiti ciascuno. Gli appassionati di Hanfu sono stati calcolati come un numero superiore ai 3 milioni e mezzo in Cina. Il mercato ha un valore di più di 4.5 miliardi di RMB, secondo iiMedia.
A causa della crescita del mercato, e la popolarità del prodotto, i fornitori di Hanfu innovano il più possibile. Alcuni dei modelli più recenti brillano al buio. Altri sono perfetti per i matrimoni, e ve ne sono anche per animali domestici. E dato che sembrano così scomodi per l’attività sportiva, vengono prodotti gli active Hanfu per risolvere il problema.

Come mai questo fenomeno di “moda retrò”?

Vi sono molte ragioni dietro la popolarità di questi abiti, ma certamente una delle più interessanti è la crescita del potere cinese sullo scenario internazionale. Difatti, sempre più persone guardano alla Cina come qualcosa da scoprire e comprendere, e i cinesi sono orgogliosi della loro nazione e della loro storia. E se da un lato le scuole cinesi insegnano ad imparare dagli altri, ricordano anche l’importante patrimonio culturale della Cina, che ha millenni e millenni di storia.

Significa che nessuno userà più abiti occidentali?

Probabilmente no, ma chi può dirlo?
Del resto, nel business sono i vestiti occidentali ad aver vinto sulle alternative cinesi moderne, pur essendo state promosse sia da Sun Zhong Shan (o Sun Yat Sen) che da Mao Zedong, i padri, rispettivamente, della Repubblica di Cina e della Repubblica Popolare Cinese. Questi abiti, chiamati Zhongshan, erano a loro volta basati su abiti tradizionali cinesi, ma oggi sono quasi del tutto abbandonati.

Un vestito qipao. Fonte: eastmeetsdress.com


D’altro canto, il cheongsam o qipao, una tipologia di vestiti femminili cinesi, sono abbastanza popolari da venir esportati all’estero. E pur non essendo comuni quanto gli abiti occidentali, non sono rari da vedere. Il più grosso svantaggio di questi abiti sono i requisiti per indossarlo – il che implica che ad utilizzarlo sia solo una piccola minoranza di donne. Gli Hanfu, invece, non hanno alcun problema sotto questo punto di vista.
Bisogna anche considerare che gli amanti degli Hanfu non li indossano certamente ogni giorno, e a dimostrarlo è il quantitativo di abiti acquistati a testa.
L’Hanfu rimane ancora un vestiario alternativo, che comunica la passione e l’amore per la moda tradizionale (e non) cinese.
Eppure, le cose potrebbero cambiare, perché la crescita politica della Cina potrebbe rendere gli Hanfu ancora più popolari.


Lascia un commento