Vai al contenuto

L’Henan: il “paniere” cinese da 100 milioni di abitanti

L’Henan è una provincia della Cina centrale, una delle culle della civiltà cinese assieme allo Shaanxi ed allo Shanxi.
Pur essendo parte della Cina fin dagli albori, l’Henan non ha guadagnato molto dalla sua posizione centrale. Questa area, teoricamente conveniente per l’economia, fu invece spesso teatro di guerra civile. Inoltre, inondazioni periodiche (a causa del Fiume Giallo) mettevano in pericolo gli abitanti.
Oggi la provincia conta cento milioni di abitanti, e la cpaitale, Zhengzhou, ne ospita circa 10 nella sua area distrettuale. Altre grandi città sono Kaifeng, Luoyang, Nanyang e Zhoukou.

Mappa delle province, municipalità, regioni autonome e regioni amministrative speciali della Cina. Fonte: chokkicx / Getty Images

Essendo stata la casa della civiltà cinese per millenni, quasi tutta la popolazione è Han, ma vi sono minoranze Manciù e Mongole.

L’Henan: terra di grandi pianure e fiumi

Henan significa “Sud del fiume”, opposto ad Hebei che significa “Nord del fiume”. Il fiume principale del meridione, lo Huai, divide la Cina settentrionale da quella meridionale. Le montagne dell’Henan non impediscono il successo dell’agricoltura, grazie alle vaste pianure ed alla presenza di grandi corsi d’acqua. Il clima è temperato, e la stagione delle piogge coincide con l’estate.
Il nord della provincia è generalmente più secco, mentre il sud è più umido, a causa dell’azione dei monsoni.
henan's capital, zhengzhou
L’Henan è una delle province più grandi per popolazione. Dato che molti migrano verso province più ricche, si stima che la popolazione proveniente dell’Henan sia maggiore di qualunque altra provincia cinese, con l’eccezione dello Shandong.

Un’economia in ripresa

L’Henan è stato arretrato per lungo tempo, rispetto alle province confinanti. Il settore primario è molto importante, a causa delle attività agricole e minerarie. L’Henan è tra i maggiori produttori di grano, sesamo e riso in Cina, nonché di bovini, suini e cotone. L’Henan ha inoltre grandi riserve di tungsteno, molibdeno (seconde al mondo) e calcare. Il settore industriale ha una lunga tradizione nell’industria alimentare, grazie all’enorme produzione di materie prime in loco. Negli ultimi vent’anni l’Henan ha inoltre iniziato a sviluppare la sua industria metallurgica, chimica, dei macchinari e dell’elettronica.
Il terziario non è molto sviluppato, per quanto lo sviluppo software ed il turismo siano in stabile crescita.
L’infrastruttura in Henan è ben sviluppata, aiutando merci e persone a spostarsi velocemente da e verso la provincia, oltre che internamente ad essa.

Il Tempio Shaolin e possibili resti della dinastia Xia

L’Henan ospita il Tempio Shaoli, famoso (persino in occidente) per le sue tradizioni, rimaste intatte per 1500 anni. I monaci Shaolin hanno avuto recentemente un grosso successo in tutto il mondo e hanno fondato scuole in diverse città nell’intero pianeta. Sia il Tempio Shaolin che le Grotte Longmen sono esempi di cultura buddista in Cina e patrimoni dell’umanità. Anche Luoyang, Kaifen e Yinxu (in Anyang) sono siti importanti, essendo state le antiche capitali della Cina. Vi sono inoltre dei resti di una civiltà molto antica, potenzialmente la quasi leggendaria dinastia Xia, considerata la prima dinastia cinese, risalente a 4000 anni fa.
Henan's Shaolin Temple

La geografia dell’Henan definisce il suo bisogno di affidarsi all’agricoltura e ad imprese connesse ad essa, ma una provincia con 100 milioni di persone ha bisogno di un terziario sviluppato. La sua crescita negli ultimi 20 anni è stata superiore alla media, e, se stabile, accorcerà il distacco coi vicini. Anche se non lo dovesse fare, l’Henan rimarrà una provincia importante, grazie alla popolazione residente e al suo stato di “paniere” della Cina.

Lascia un commento